Incontriamo i nostri vicini: la Luna

Esplora la versione tattile della nostra luna con materiali casalinghi.

Breve descrizione

Convertendo l’esperienza visuale in tattile, questa attività permette agli studenti non vedenti di conoscere ed esplorare la nostra Luna e le sue caratteristiche principali.

Finalità

  • Creare una versione tattile della Luna usando materiali casalinghi.
  • Esplorare la nostra luna attraverso un modello tattile.

Obiettivi didattici

  • Gli studenti saranno in grado di riconoscere e descrivere le caratteristiche lunari usando la Luna tattile.
  • Gli studenti saranno in grado di spiegare l’importanza della costruzione di modelli, identificare punti di forza e limiti di questo modello e suggerire modi per migliorare gli aspetti del modello.

Valutazione

Chiedere agli studenti di indicare una caratteristica nel loro diagramma non appena capiscono quale è. Fornire prima una descrizione e un paio di secondi per pensarci. Quindi dare il nome e un altro paio di secondi per indicarla. Es: è la superficie globale principale della Luna, non è liscia. Sono chiamati i mari della Luna, anche se non c’è mai stata acqua sulla Luna. Quest’altro fu causato dalla lava sulla superficie tanto tempo fa. Sono lisci e scuri (i Mari scuri). Questa parte o caratteristica della Luna che sembra una ciotola è causata da rocce che colpiscono la superficie (Cratere). Sono caratteristiche irregolari sulla Luna e raggiungono grandi altezze (Monti).

Ovviamente la Luna non è composta da tessuti e lustrini. Chiedere agli studenti di discutere sull’importanza di costruire modelli, punti di forza e limiti di questo modello della Luna, e come potrebbero migliorarlo. Chiedere agli studenti nei loro gruppi di scrivere due cose che hanno imparato dall’attività e due che vogliono approfondire.

Materiali

  • Tessuto, es: feltro grigio, per la superficie della Luna
  • Tessuto spesso (per i diversi monti)
  • Tessuto sottile (per i mari)
  • Lustrini tondi (per i crateri)
  • Colla (per il tessuto)
  • Penna (per scrivere sul tessuto)
  • Forbici
  • Stampa del PDF Caratteristiche della Luna
  • Stampa del PDF Luna senza le caratteristiche (2 copie)

Informazioni di base

Luna

La Luna è l’unico satellite naturale della Terra. Orbita attorno al nostro pianeta in 27,3 giorni a una distanza media di 384.400 km. Il suo diametro di 3.474km lo rende il quinto satellite più grande del Sistema Solare. Si pensa che la Luna si sia formata alla stessa epoca della Terra, 4,55 miliardi di anni fa, dai detriti di una collisione gigantesca tra la Terra e un oggetto delle dimensioni di Marte. La Luna è su un’orbita sincrona attorno alla Terra, il che vuol dire che compie un giro attorno a se stessa mentre compie un giro attorno alla Terra, perciò ci mostra sempre la stessa faccia. Tutto ciò che sappiamo sulla faccia “nascosta” della Luna lo dobbiamo alle testimonianze degli astronauti o da sonde automatiche che sono state mandate sull’altro lato. Non ci sono albe o tramonti della Terra sull’orizzonte della Luna. Se steste sulla faccia vicina della Luna, la Terra apparirebbe immobile nel cielo. Durante la sua rivoluzione attorno alla Terra, il disco della Luna non è sempre completamente illuminato dal Sole. Queste variazioni nell’aspetto del disco sono chiamate “fasi lunari” e sono caratterizzate da un ciclo molto ben conosciuto. Il diametro apparente della Luna vista dalla Terra è quasi esattamente quello del Sole. Questa è la ragione per cui la Luna, a volte, maschera il disco solare producendo le eclissi solari totali. Un’altra importante influenza della Luna sulla Terra è il fenomeno delle maree, che è dovuto all’attrazione gravitazionale della Luna sui mari e gli oceani della Terra. La Luna è l’unico oggetto celeste che sia stato visitato dagli uomini. La prima visita è stata il 21 luglio 1969, quando due membri della missione Apollo 11 hanno messo piede sul nostro satellite: erano Neil Armstrong ed Edwin Aldrin. In tutto 12 astronauti hanno camminato sulla superficie della Luna tra il 1969 e il 1972, e sono tornati con 382kg di terra lunare da analizzare sulla Terra.

Caratteristiche tattili:

(mentre si analizza l’immagine schematica tattile)

Monti e Mari

La superficie visibile della Luna mostra zone luminose e scure. Le zone luminose sono generalmente colline o montagne (realizzate con il tessuto spesso nell’immagine tattile), mentre quelle scure sono terreni piatti, chiamati “mare” (realizzati con il tessuto sottile in rilievo dell’immagine tattile). Queste aree poco alte vennero riempite di lava durante un antico periodo di attività vulcanica, circa 3 miliardi di anni fa. Alla maggior parte di essi gli antichi astronomi hanno dato nomi di fenomeni comuni incontrati sui mari e oceani terrestri: Oceanus Procellarum (“Oceano delle Tempeste”), Mare Imbrium (“Mare delle Piogge”), Mare Serenitatis (“Mare della Serenità”), Mare Tranquillitatis (“Mare della Tranquillità”), ecc.

Crateri

L’intera faccia della Luna è cosparsa di crateri, con diametri che vanno da pochi metri a centinaia di chilometri (lustrini tondi). Sono il risultato di impatti di asteroidi, poiché la Luna non ha un’atmosfera che prevenga che arrivino sulla superficie (alcuni di essi sono realizzati con i bottoni sull’immagine tattile: Plato e Aristoteles in alto, Aristarchus a sinistra, Copernicus vicino al centro e Clavius in basso). Copernicus ha un diametro di 93km ed è posizionato nel Mare Imbrium alla fine della catena montuosa chiamata Appennini (realizzata con il tessuto spesso sopra il tessuto sottile sull’immagine tattile).

Descrizione completa dell’attività

Presentazione della Luna:

  • Chiedere agli studenti cosa conoscono della Luna. Discutere le informazioni incluse nella prima metà della sezione “Informazioni sul contesto”, fino alle caratteristiche tattili escluse. Raccontare agli studenti che costruiranno un modello della Luna e studieranno le sue caratteristiche.
  • Dividere gli studenti in gruppi da 5 (idealmente 3 normo vedenti e 2 non vedenti)
  • Distribuire i materiali, incluse le stampe, a ciascun gruppo.

Costruzione del modello:

  • Una stretta supervisione è importante. Seguire ciascun gruppo e spiegare ciascuno degli elementi tattili e la loro corrispondenza a ciascuna caratteristica dell’oggetto.
  • Capire le diverse necessità di ciascun gruppo di studenti per promuovere l’interazione tra gli alunni durante la costruzione dell’immagine tattile. Gli studenti non vedenti devono familiarizzare con i diversi materiali coinvolti.
  • Fornire tempo a sufficienza per seguire le istruzioni e costruire l’immagine tattile.

Fase 1

Tagliare il contorno rotondo esterno della Luna da una delle stampe del PDF della Luna senza le caratteristiche.

Fase 2

Posizionarla sopra il tessuto spesso e disegnare un cerchio.

Fase 3

Ritagliare lo stesso contorno rotondo dal tessuto spesso.

Fase 4

Applicare la colla sulla superficie della Luna sull’altro PDF della Luna senza le caratteristiche.

Fase 5

Posizionare il ritaglio circolare del tessuto sopra la zona incollata del foglio stampato.

Fase 6

Usando il PDF delle Caratteristiche della Luna, ritagliare la sezione interna che contiene diversi cerchi neri.

Fase 7

Posizionare la sezione interna sopra al tessuto sottile e disegnarne il contorno.

Fase 8

Ritagliare il contorno delineato.

Fase 9

Incollare questo pezzo di tessuto sopra alla vostra Luna di tessuto.

Fase 10

Ritagliate un piccolo pezzo del tessuto spesso e incollarlo in modo da combaciare con la linea tratteggiata del PDF Caratteristiche della Luna.

Fase 11

Incollare il pezzo di tessuto spesso sopra il tessuto sottile incollato in precedenza.

Fase 12

Cospargere la colla sulla parte piatta dei lustrini e incollarli sopra al tessuto, nello stesso punto dei piccoli cerchi sul PDF Caratteristiche della Luna. Attendete che l’immagine si asciughi prima di iniziare ad analizzarla.

Analizzare l’immagine tattile:

Ci sono diversi modi in cui si può analizzare il contenuto scientifico delle immagini tattili schematiche. Se presentate agli studenti l’immagine tattile finale, prima lasciateli analizzare e toccare le diverse trame. Si presenteranno diverse domande man mano che gli studenti l’analizzano; incoraggiateli a scrivere le loro domande e condividerle con gli altri gruppi. Leggete la sezione “Informazioni sul contesto” per comprendere le diverse caratteristiche presenti nell’immagine tattile schematica della Luna e condividetele con gli studenti man mano che questi pongono domande a riguardo, oppure (se avete tempo) suggerite a ciascun gruppo di scegliere una caratteristica da approfondire e quindi lasciate che la presentino loro agli altri gruppi in classe.

  • La superficie globale della Luna è rappresentata dal tessuto spesso circolare;
  • Il secondo strato di tessuto sopra rappresenta i Maria;
  • I lustrini tondi raffigurano le superfici dei crateri;
  • I Monti sono rappresentati dallo strato più alto di tessuto spesso.

Discutere l’idea di modello con gli studenti. Punti di discussione suggeriti:

  • Che cos’è un modello? Perché è utile costruire modelli?
  • Quali sono i punti di forza di questo modello?
  • Quali sono i suoi limiti?
  • Come potrebbe essere migliorato il modello?

Chiedere agli studenti nei loro gruppi di scrivere due cose che hanno imparato dall’attività e due che vorrebbero approfondire.

Programma di studi

Space Awareness curricula topics (EU and South Africa)

Our wonderful Universe, Our fragile planet, Sun-Earth-Moon

IT

Scuola Secondaria di Primo Grado - Scienze Scuola Primaria: 2° biennio - Scienze Scuola Primaria: 1° biennio - Arte e immagine

Informazioni aggiuntive

Esplora i pianeti del Sistema Solare attraverso “Incontriamo i nostri vicini” in forma tattile all’indirizzo http://nuclio.org/astroneighbours/resources/

Conclusione

Una versione tattile ed economica della Luna è una grande risorsa per esplorare le caratteristiche lunari sia per gli studenti non vedenti che per quelli normo vedenti.

This resource was developed by Nuclio and peer-reviewed by astroEDU. Translated in Italian by Alessandra Frassati.

Scarica
attachments
Argomento del programma di studi
Sun-Earth-Moon
Le grandi idee della scienza
Parole chiave
Moon, Solar System
Fascia d’età
6 - 12
Livello scolastico
Primary School, Middle School, Informal
Tempo
2h
Dimensione del gruppo
Group
Supervisionato a fini di sicurezza
Supervised
Costo
Low (< ~5 EUR)
Luogo
Indoors (small, e.g. classroom)
Competenze chiave
Asking questions, Developing and using models, Analysing and interpreting data, Communicating information
Tipo di attività didattica
Partial enquiry
Autore dell’attività
Lina Canas, Núcleo Interativo de Astronomia
Link alla fonte dell’attività
Archivi
Risorse correlate